COVID-19, terapia antiaggregante piastrinica alla base dello studio clinico PIC-19

A cura di Marisabella Santoriello

Revisione di Francesca Falasco

Qualche settimana fa si è tenuto un interessante webinar dal titolo “An update on CoVID-19: how we faced the challenge in Italy” a cui ha partecipato anche il team di OsservatorioCOVID19. Nel corso del webinar il professor Pierachille Santus, direttore del Dipartimento di Pneumologia presso l’Ospedale “Sacco” di Milano e professore associato all’Università di Milano, ha presentato i risultati dello studio clinico PIC-19.

La terapia antiaggregante per il trattamento dell’ipossiemia nei pazienti COVID-19

Purtroppo, uno degli aspetti che accomuna moltissimi pazienti COVID-19 in condizioni critiche è l’insufficienza polmonare acuta dovuta alla presenza di infiltrazioni nel tessuto parenchimale in seguito al danno polmonare. Si verifica così uno scompenso nel rapporto tra ventilazione e perfusione che causa una riduzione della disponibilità di ossigeno nel sangue, ossia una condizione patologica nota come ipossiemia. Questa è accompagnata dalla formazione di microtrombi nei vasi capillari polmonari (trombofilia) il cui esito è molto spesso infausto.

Non ci sono indicazioni specifiche riguardo al trattamento di tale condizione patologica nei pazienti COVID-19; per questo è stato messo a punto presso l’ospedale “Sacco” di Milano il trial clinico PIC-19. Lo scopo fondamentale dello studio è quello di esplorare gli effetti della somministrazione di una terapia antipiastrinica in pazienti COVID-19 caratterizzati da una grave trombofilia.

Il protocollo sperimentale dello studio clinico PIC-19

Il protocollo dello studio PIC-19 (ClinicalTrials.gov: NCT04368377) ha previsto per il gruppo sperimentale l’utilizzo del farmaco Tirofiban, un noto inibitore del recettore della glicoproteina (GP) IIb/IIIa, in grado di interferire con l’aggregazione piastrinica mediata dal fibrinogeno. Il Tirofiban è stato somministrato in associazione alla terapia antipiastrinica a base di acido acetilsalicilico, Clopidogrel e Fondaparinux. Il gruppo di controllo, invece, è stato trattato con la terapia standard (eparina a basso peso molecolare).

Per quanto riguarda i criteri di eleggibilità, i pazienti inclusi nello studio dovevano essere adulti, positivi al tampone nasale per SARS-CoV-2, con insufficienza respiratoria grave richiedente una pressione continua positiva delle vie aeree (CPAP) attraverso l’utilizzo del casco. In più tali pazienti presentavano infiltrati polmonari bilaterali e uno stato pro-trombotico.

In seguito al trattamento i pazienti hanno dimostrato un netto miglioramento della perfusione polmonare che si è tradotta in un effetto benefico sulla funzione respiratoria rispetto ai pazienti trattati con la terapia standard. Infatti, i pazienti del primo gruppo sono stati svezzati con successo dal CPAP dopo 3 giorni, cosa che non è avvenuta nel gruppo di controllo.

Nonostante alcuni limiti e criticità dello studio, tra cui il numero limitato di pazienti (cinque per il gruppo sperimentale e cinque per il controllo), esso ha dimostrato che in particolari condizioni patologiche la terapia antiaggregante piastrinica potrebbe essere una valida alternativa farmacologica al trattamento della COVID-19. I risultati dello studio PIC-19 sono stati pubblicati su una prestigiosa rivista scientifica.

Marisabella Santoriello

https://www.linkedin.com/in/marisabellasantoriello/

Dopo il dottorato in Scienze Farmaceutiche e oltre otto anni di esperienza nella Ricerca Pre-clinica presso aziende farmaceutiche e CRO, mi sono appassionata al mondo della Ricerca Clinica partecipando al corso di alta formazione in Ricerca Clinica Missione CRA (www.missionecra.com).

Francesca Falasco

https://www.linkedin.com/in/francescafalasco/

Attualmente Data Manager, ho formato la mia mente scientifica come ricercatrice durante il corso di laurea magistrale in Medical Biotechnologies e la successiva esperienza all’estero. Il mio interesse per il mondo della Ricerca Clinica è affiancato da una forte passione per la scrittura e la comunicazione scientifica, ambiti che sto approfondendo attraverso specifici corsi di formazione.