Top Employers 2015 – Ecco le migliori aziende farmaceutiche italiane

La certificazione Top Employers viene assegnata solo ed esclusivamente alle migliori aziende al mondo nell’ambito HR, in grado di dimostrare un altissimo livello di offerte organizzative per i dipendenti. La ricerca di Top Employers Institute è indipendente e si basa su dati oggettivi, arrivando così a premiare solo le aziende che dimostrano una continua tensione nel migliorare e rendere ottimali le condizioni di lavoro dei dipendenti. Le aziende che si sono posizionate all’avanguardia nelle politiche di crescita e sviluppo delle persone in Italia sono: Abbott Italia, Astrazeneca Italia, Chiesi Farmaceutici, MSD, Novartis, Roche, Sandoz e Sanofi. Da segnalare che Abbott, Chiesi e Roche hanno inoltre vinto il premio Top Employers Europe 2015.

I criteri che hanno permesso a queste realtà di essere premiate posso essere suddivisi in varie macro-aree:

–        Comunicazione

–        Programmi di sviluppo

–        Benefits

–        Secondary benefits

–        Regimi di lavoro flessibile

–        Networking

–        Integrazione dei nuovi dipendenti

–        Career and succession management

–        Well-being programs

 

Da: Top-employers.com website.

Premiazione Chiesi Farmaceutici. Fonte: Top-employers.com website.

Nell’area “Comunicazione” si sono particolarmente distinte Abbott e Novartis, offrendo incontri one-to-one tra dipendente e manager, forum/blog su intranet, sondaggi dei dipendenti, uso dei social media.

Un area sulla quale sembrano puntare, a ragione, tutte le aziende premiate è quella relativa a programmi di sviluppo come programmi per laureati/tirocinio, programmi di stage/tirocinio, programmi di job rotation, programmi di scambio internazionali, coaching, gruppi di mentoring.

Sanofi si distingue nell’area “Benefits” e “Secondary benefits”, offrendo incentivi a lungo termine, investimenti in formazione, sconti per dipendenti su servizi/prodotti dell’azienda, indennità di turno, buoni pasto, sussidio per assicurazione sanitaria, supplemento retributivo, oltre a: laptop, telefono cellulare, indennità spese telefoniche, indennità vettura/viaggio, vettura aziendale. Da segnalare anche il bonus di segnalazione per le assunzioni di MSD.

Quasi tutte le aziende hanno operato bene nell’area “Regimi di lavoro flessibile”, segnaliamo in particolare AstraZeneca, la cui politica include oltre all’orario di lavoro flessibile, lavoro part-time e telelavoro/lavoro da casa: periodo sabbatico/di aspettativa, ore recuperate (TOIL)/Recupero straordinari, ore di lavoro straordinario ridotte, riduzione delle trasferte di lavoro, congedo speciale per genitori (superiore ai requisiti legali), possibilità di portare la famiglia/un bambino in un giorno lavorativo, possibilità di portare un bambino con sé al lavoro in situazioni di emergenza.

Nell’area “Networking”, così come nell’area “Comunicazione” sono Abbott, Novartis e Sandoz a fornire l’offerta più ampia, comprendente eventi sportivi, organizzazione di drink settimanali o di altri eventi sociali (da parte del CRAL), alumni club (associazione degli ex dipendenti), spazio di lavoro flessibile in ufficio, chat online/instant messaging, eventi sociali stagionali, sessioni informali speciali con l’Executive Management.

Un’altra area di grande investimento da parte di tutte le aziende premiate è stata quella di “Integrazione dei nuovi dipendenti” con programmi come: package di pre-assunzione, programma di On-boarding step-by-step, utilizzo di social media esterni/interni (network) per conversare con gli attuali dipendenti, programma di formazione introduttivo specifico per ogni ruolo, affiancamento di un mentore ad ogni nuovo assunto, eventi di (Social) Networking per i nuovi assunti, sessione di follow-up un anno dopo l’ingresso in azienda, corso introduttivo riguardante la missione, la visione e i valori dell’azienda, codice di condotta, politiche e istruzioni di sicurezza.

Abbott, Novartis, Sandoz, AstraZeneca e Sanofi, si distinguono per l’offerta riguardante l’area “Career and succession management” che comprende: job rotation, programmi di formazione, mentoring, coaching, incarichi speciali, distaccamento, job enrichment e mobilità internazionale.

 

Infine, nell’area “Well-being programs” si segnalano ancora Abbott e Novartis con la loro ampia offerta ai dipendenti comprendente fra l’altro: programma per la sicurezza, gestione dello stress, gestione del tempo, EAP (Employee Assistance Programme), programma di Prevenzione della Salute sul Lavoro, medico interno, mantenimento del livello retributivo oltre a quanto previsto per legge, mantenimento dei diritti contrattuali dei dipendenti oltre a quanto previsto per legge, strutture sportive in sede, programma di screening sanitario, programmi di benessere.

 

Perché ottenere una certificazione di questo tipo? Lo spiega chiaramente il sito di Top Employers: “La certificazione rafforza notevolmente il brand e trasmette ai dipendenti presenti, potenziali futuri e a tutti gli stakeholders un messaggio di eccellenza, la garanzia che l’azienda è impegnata nel fornire esperienze di crescita e sviluppo alle proprie persone e che, per questo, fa parte di un gruppo di aziende internazionali d’élite”. Inoltre, aggiungiamo noi, è ormai assodato che un dipendente sereno sul luogo di lavoro è sicuramente più produttivo, rafforzando il legame di fiducia con l’azienda.

 

Alessia Pasqualato

 

Fonti: Top Employers website: www.top-employers.com