Perché servirsi di una CRO?

In due parole? Perché tutto sta diventando più complesso. Perché i tempi diventano sempre più critici. Perché i problemi amministrativi/regolatori diventano ogni giorno più intricati. Perché il campo della Ricerca & Sviluppo richiede sempre più soldi e attenzioni.
*
Le CRO (Contract Research Organization) offrono le adeguate risorse e competenze alle compagnie farmaceutiche, biotecnologiche e a quelle che sviluppano medical device in modo da condurre uno studio clinico con elevati standard di qualità ed in maniera efficiente e cost-effective. Oggigiorno le CRO sono coinvolte nell’intero processo dello sviluppo del farmaco, aiutando il cliente per ogni tipo di necessità, dall’arruolamento dei partecipanti alla raccolta dei dati e alla loro analisi, dalla pianificazione dello studio clinico alla sua attuazione e conclusione.
.
Per una relazione così vicina è importante scegliere il partner giusto. Ecco perché gli Sponsor cercano una CRO con cui poter comunicare strettamente ed in maniera del tutto onesta, con la quale collaborare ed interfacciarsi per qualsiasi tipo di novità, sia essa positiva o negativa per il bene dello studio. Entrambe camminano per la stessa strada, talvolta con ruoli complementari e paralleli, con lo scopo di raggiungere l’obiettivo comune, vale a dire quello di gestire lo studio clinico in maniera quanto più professionale e con un elevato standard di qualità.
.
Il team di una CRO è a tutto tondo! Dovrebbe avere più divisioni che si occupano dei diversi aspetti trial-related, con l’unico scopo di, per dirla all’americana, “deliver quality”. Il tutto per rendere unico sia il prodotto sviluppato che l’approccio clinico utilizzato e gli obiettivi di mercato da raggiungere.
.
Quindi, riassumendo, perché la giusta CRO possa essere scelta dallo Sponsor quali punti di forza deve avere? Elementare Watson: gli stessi previsti per noi CRA! Controllo di qualità, rispetto delle deadline e del budget previsto, conformità alle CGP, reporting chiaro, preciso ed accurato. Thats all!
.
Non sei d’accordo? Hai altro da aggiungere!
.
Lascia il tuo commento e apri il dibattito!
.
Ciao e alla prossima


About Stefano Lagravinese

"Scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua" - Confucio. Quando leggo questa frase mi vien da sorridere e al tempo stesso credo di essere davvero fortunato. Al momento penso di avere almeno 7 lavori, e.. "non mi sembra di lavorare neppure un giorno" in vita mia. Ecco quali sono i miei attuali lavori: * SENIOR CLINICAL RESEARCH CONSULTANT. CRA da quasi dieci anni, dal 2014 sono CRA consulente per alcune aziende multinazionali. Se hai bisogno di un freelance per favore contattami. * WEBSITE MANAGER. Dal 2008 sono il curatore e cordinatore degli articoli presenti su CRAsecrets.com, la prima community dedicata alla ricerca clinica. * AUTORE. Puoi trovare il mio primo ebook (sto lavorando ad un secondo ebook che sarà pubblicato a breve) Diventare CRA su www.DiventareCRA.com. E' un libro che consiglio non solo a chi voglia diventare CRA, ma a tutti coloro che vogliano entrare nel mondo della Ricerca Clinica. * TRAINER. Dal 2012 insegno nel settore della ricerca clinica presso il programma "Scienziati in Azienda" Istud e presso il corso di formazione di 40 ore da me ideato conosciuto come "Missione CRA" (www.MissioneCRA.com). * CAREER COACH. E' forse la cosa che più mi piace fare. Aiutare il prossimo a realizzarsi professionalmente. Se vuoi raggiungere un obiettivo professionale, leggi questa pagina (http://crasecrets.com/coaching/) e scegli il servizio che più ti aggrada. * NETWORKER. Mi reputo un cultore del "networking", tant'è che la maggior parte delle mie attività gravitano proprio intorno all'incontrarsi e al creare rete. Sono certo che la rete sia il futuro del mondo e che sia un dovere "coltivarla". * IMPRENDITORE. E' la novità del 2014. Sono tante le idee in cantiere. Spero di sorprenderti presto con effetti speciali!

One thought on “Perché servirsi di una CRO?

  • Adriana

    ricordiamo che sono nati prima i CRA e poi le CRO!!!! Una volta ho letto che il Clinical Research Associate è nato per PREVENIRE- che è meglio che CURARE- i troppi findings sollevati dalle ispezioni ai centri sperimentali. Cioè il CRA affiancato al centro durante lo studio, per preparare il centro alla visita dell’ispettore.

Comments are closed.