Lo smartphone come strumento per i trial clinici grazie alle app di Bracket

La compagnia Bracket, impegnata nello sviluppo tecnologico a supporto della ricerca clinica, ha recentemente sviluppato una suite di applicazioni per smartphone utili per chi opera nel settore.

Le tre app sono Bracket Patient Diary, Bracket RTSM e Bracket Analytics: la prima è un vero e proprio diario che permette ai pazienti di riportare i sintomi; la seconda è utile per le operazioni di randomizzazione, registrazione delle visite, conteggio dei medicinali e così via; la terza permette di tenere traccia dei progressi dello studio.

Le applicazioni nascono come supporto per la tecnologia Bring Your Own Device (BYOD), recentemente adottata anche nella ricerca clinica, che permette ai pazienti che partecipano ai trial di riportare i sintomi semplicemente usando il proprio smartphone.

Jeff Kinell, CEO di Bracket, ha così commentato: “Dal momento che la complessità e richiesta di dati nei trial clinici aumentano, è essenziale avere gli strumenti adatti a disposizione di chi partecipa a questi programmi. Noi abbiamo sviluppato questi nuovi strumenti con l’intenzione di rendere i trial clinici più efficienti per le aziende farmaceutiche, i siti delle sperimentazioni e i pazienti”.

Adam Butler, responsabile dello sviluppo strategico e del marketing per Bracket, ha fatto sapere che ci sono sei studi clinici in corso che utilizzano la tecnologia BYOD, molti completati ed altri ancora da iniziare. “La FDA incoraggia le aziende ad fare un maggiore uso della tecnologia”, ha aggiunto, spiegando infine che le app RTSM e Analytics si basano su sistemi che sono compatibili con  tutti i regolamenti vigenti e le linee guida, mentre la Patient Diary è ancora sottoposta a numerosi controlli.

Fonte: New Bracket apps turn patients’ smartphones into trial data reporting techs

Svetlana Danovska
Visita qui il mio profilo LinkedIn