Linkedin ed il suo meraviglioso mondo. Come ho trovato lavoro!

Sei in cerca di una nuova opportunità lavorativa? Utilizza Linkedin!!!

Leggendo l’articolo di Lindsey Pollak, pubblicato il 29 Aprile 2013 sul blog di Linkedin, ho preso spunto per far conoscere a chi ne è ancora all’oscuro delle sue potenzialità.

Riprendendo quanto scritto da Pollak :
A recruiter once told me that he always has two stacks of resumes on his desk:  one super tall stack of resumes he receives unsolicited from the Internet and one very short stack of resumes that have been passed along from people he knows and trusts.”

E continua dicendo:
“Not surprisingly, when this recruiter has a job to fill, he reaches for the smaller stack of referred applicants first. It’s simply more efficient and effective to check out candidates who come with a recommendation from a trusted friend or colleague.”

Non siete tra le persone che hanno amici, conoscenti o parenti che possono dare il vostro Curriculum all’azienda per la quale state applicando? Non demoralizzatevi anche io sono una di voi…

Non dovete arrendervi; nella vita c’è e ci sarà sempre chi ha/avrà una corsia preferenziale e chi invece deve costruirsela; io la mia la sto costruendo proprio sfruttando Linkedin e vi assicuro che è un mezzo molto potente se lo sapete usare.

Costruire relazioni con persone sconosciute che lavorano in un settore cui aspirate o nel quale già lavorate è molto facile con Linkedin. Basta cercare questa persona, anche in google, e vedere se ha un profilo Linkedin, se lo tiene: Bingo! Iniziate a curiosare nel suo profilo,
scoprendo per chi e con quale ruolo ha lavorato e ora cosa sta facendo. Se questa persona vi interessa, perché ha lavorato per un’azienda per la quale state applicando o avete deciso di inviare il vostro Curriculum all’azienda dove lavora ora, non esitate a contattarlo inviandogli
una richiesta.

La potenzialità di Linkedin risiede anche nel fatto che potete trovare anche le Aziende ed in tal caso dovete subito “seguirle”, perché? Perché esse vi avranno tra i contatti e ogni vostro aggiornamento gli giungerà, inoltre potete avere notizia quando posteranno l’apertura di una posizione ed ancora potete vedere chi lavora in quell’azienda. Sapere chi lavora nell’azienda è importante perché potete trovare tra i profili il Responsabile delle Risorse Umane, il Manager dell’azienda e tutte le altre figure professionali presenti in essa. Anche in questo caso create contatto con queste persone; se sono stranieri non esitate a contattarli, per il 95% dei casi sono quelli più disponibili.

Riportate in breve le potenzialità di Linkedin, ora vi riporto dei miei esempi pratici e come ritengo utile fare network.

Io ho deciso di iniziare a cercare lavoro come Clinical Research Associate (CRA), la prima cosa che faccio è rispondere agli annunci per i quali ho i requisiti, a dire il vero a volte rispondo anche ad annunci per i quali non ho i requisiti, magari può colpire il mio CV e mi terranno presente anche per altre posizioni. Una volta risposto agli annunci inizio a “navigare” su Linkedin.

Per prima cosa cerco se l’azienda di mio interesse è presente in Linkedin, in caso affermativo la seguo e se c’è il sito internet vado a visitarlo; dopo visiono i profili di tutte le persone che lavorano in quell’azienda. Valuto un po’ i profili di chi potrei contattare, facendo caso anche al numero di connessioni che ha (questa è una mia idea: non vale la pena contattare chi ha poche persone nel suo network perché credo che non sfrutti al massimo Linkedin e quindi non farà nemmeno caso alla mia richiesta.). Se tra i vari profili ritrovo il responsabile delle risorse umane non ci penso su due volte, e gli invio la richiesta di contatto chiedendogli se mi dà la possibilità di aggiungerlo al mio network, perché vorrei avere delle informazioni sul mio CV in quanto nell’ultimo periodo ho deciso di spostarmi nel campo della ricerca clinica. Posso affermare che per il 90% quest’approccio funziona, quasi tutte le persone accettano la mia richiesta; una volta entrati nel mio network ecco che inizia la “cura dell’interlocutore”, gli invio una mail dove non devono mancare i “grazie” per averti dato la possibilità di potergli scrivere, dove chiedi tante volte “scusa se l’hai disturbato” e poi subito dopo inizia il piano d’attacco!!! Ti presenti, gli spieghi perché gli scrivi, perché sei così motivato ad entrare nella ricerca clinica (questo nel mio caso) e poi invii il CV in maniera che se vuole può salvarselo nel suo database o stamparselo e studiarlo!

Se invece tra i profili Linkedin non ritrovo il responsabile delle risorse umane, contatto il manager o vicepresidente dell’azienda oppure un Senior CRA; un altro mio trucchetto è quello di non contattare mai una persona che lavora in quell’azienda da poco o una figura Junior perché può vederti come un intralcio per la sua carriera.
State certi che dagli estranei riceverete molti più aiuti di quanti possiate riceverne da una persona a voi più vicina; io tramite Linkedin ho conosciuto solo virtualmente o telefonicamente delle persone da un punto di vista umano FANTASTICHE che mi hanno dato innumerevoli consigli, anche su come comporre meglio il CV; ho trovato una disponibilità nel rigirare il CV ad amici o al responsabile delle Risorse Umane ed addirittura persone che quando sono a conoscenza di posizioni aperte mi contattano per dirmi manda il CV a quest’azienda o a questa persona.

Sono contenta che i consigli che appena dati siano condivisi anche da Pollak nel suo articolo:

When people do agree to speak with you, here are some questions you might ask current or former employees of your prospect companies:
May I tell you a bit about my background [if you don’t know the person well] and why I think this position and company would be a good fit? (It’s important that the person knows about you and your goal so you can focus the conversation.)
How did you land your position at the company?
Would you share any tips about how to stand out in the application or hiring process? (For example, what to include/not include on my resume or LinkedIn profile, what to say in my cover letter, when and how to follow up)
Would you be willing to review my resume or LinkedIn profile and provide any feedback? After I make any of your suggested changes, would you consider passing my information along to the recruiter or [if the person no longer works at the organization] to someone you know at the company who might be willing to pass it along?
Is there anything I can do to help you?

E quindi giacché come me, anche Pollak lo pensa, possi dire: vi consigliamo di aggiornare sempre le persone che vi hanno dato suggerimenti, consigli o hanno presentato il vostro CV a qualcuno, perché se tutto procede bene grazie a lui/lei ne sarà contento, se invece non ricevete nessun feedback o vi darà ulteriori consigli o cercherà di recuperare informazioni del perché non ricevete nessuna notizia. A me sta succedendo tutto ciò.

Vi saluto dicendovi MANTENETE VIVI I VOSTRI CONTATTI e sfruttate le potenzialità di Linkedin per cercare la vostra prossima opportunità lavorativa, perché chi costruisce la propria corsia preferenziale con sacrificio può superare chi l’aveva già pronta!

Per ulteriori informazioni sulle potenzialità di Linkedin si rimanda ai seguenti link:
http://blog.linkedin.com/2013/02/15/your-job-search-just-got-easier/
http://www.linkedin.com/companies?trk=corpblog_0413_lindseypollak
http://blog.linkedin.com/2013/04/04/start-a-conversation-by-mentioning-your-connections-on-linkedin/

Roberta Trotta

 

 

Visita il mio profilo LinkedIn


3 thoughts on “Linkedin ed il suo meraviglioso mondo. Come ho trovato lavoro!

  • CRAlife

    Che dire… quando ad aprile ho conosciuto Roberta alla prima edizione del “Missione CRA” Bologna, sapevo per certo che avrebbe raggiunto l’obiettivo. Lo si leggeva chiaro e tondo nei suoi occhi.

    L’articolo, per la cronaca, risale al maggio 2013 (mi scuso per averlo pubblicato cosi’ tardi), nel frattempo, molte connessioni dopo :), Roberta e’ riuscita nel suo intento, diventando CRA. Per usare la sua espressione, ha “piantato l’asta della vittoria”!
    Brava Roberta, ce l’hai fatta! La tua tenacia e’ stata ripagata e ora sei una collega CRA. Ancora congratulazioni e benvenuta tra noi, collega!
    :)

  • Roberta

    Carissimi e dopo 3 anni posso dirvi di essere sempre un CRA cambiando azienda, crescendo, facendo tante belle esperienze e vincendo anche delle sfide: tipo ispezione FDA.
    Beh ancora oggi vi ripeto di mantenere vivi i vostri contatti su linkedin e di collegarvi sempre a nuove persone… Io ancora oggi sfrutto Linkedin per migliorare la mia crescita professionale. L’approccio è sempre lo stesso e persone disposte a darvi consigli ci sono sempre.
    Volontá, tenacia e determinazione sono i principi cardini del successo… Puntate a questi tre principi e pianterete anche voi l’asticella del successo! In bocca al lupo!

    • Stefano Lagravinese

      Grazie Roberta per questo follow up a 3 anni! Grazie per averci sempre creduto. Sei forse il primo caso di successo del Missione CRA, e quasi in ogni corso ti cito per la tua motivazione e determinazione! All’asticella del successo! Sempre

Comments are closed.