Il Coordinatore di Ricerca Clinica in Pediatria

A cura di Claudia Pupo

Il Coordinatore di Ricerca Clinica in Pediatria

Fonte: GIDM

“Il coordinatore di ricerca è una figura indispensabile per una corretta gestione della sperimentazione clinica farmacologica”: questo è stato il giudizio dei medici italiani, emerso da una statistica illustrata durante il Convegno dei Tumori Solidi in età Pediatrica, tenutosi presso l’Azienda Ospedaliera di Padova.  L’incontro del 24 Gennaio, coordinato dalla Dott.ssa Sorbara del Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino dell’ASP,  ha avuto come oggetto principale di discussione la figura professionale del coordinatore di ricerca clinica e le tematiche relative al management dei pazienti pediatrici.

 

Diverse sono state le figure che sono intervenute in questa giornata di formazione per giovani colleghi interessati alla ricerca clinica pediatrica: il Prof. Bisogno, dell’UOC Oncoematologia Pediatrica, ha introdotto l’evento con gli obiettivi del corso, cedendo la parola alla Prof.ssa Palermo, Docente di Diritto Penale dell’Università degli Studi di Padova, specializzata nei profili giuridici della sperimentazione clinica. La Prof.ssa ha illustrato tutte quelle norme legislative a tutela dei soggetti minorenni negli studi clinici, descrivendo i diversi casi nelle varie fasce d’età.

La Dott.ssa Francucci, della Segreteria Tecnico-Scientifica dell’Isituto Nazionale Tumori di Milano, ha trattato il ruolo del Comitato Etico nella ricerca clinica nel nuovo regolamento europeo: altri interventi hanno riguardato le ICH-GCP E6 (R2), il report dell’EMA sulla sperimentazione clinica pediatrica e le considerazioni sugli studi in corso dell’oncologia pediatrica.

La mattinata si è conclusa con l’intervento del Prof. Giuseppe Dastoli, Responsabile R&D della Fondazione Tettamanti dell’Ospedale San Gerardo sulla nuova determina degli studi di fase I e sugli Audit ed ispezioni nella ricerca clinica da parte del Dott. Bergonzani, Clinical Research Associate presso ICON.

 

Durante la sessione pomeridiana, sono stati trattati gli studi profit e no profit dal Dott. De Salvo, Responsabile sperimentazione cliniche e biostatistics de l’Istituto Oncologico Veneto e dalla Dott.ssa Benetti, anche lei Clinical Research Associate: dalle presentazioni è emerso come gli studi profit, siano più numerosi rispetto a quelli no profit.

Successivamente, la Dott.ssa Campora discute nello specifico della situazione in Italia del coordinatore di ricerca: secondo i vari interventi dei partecipanti, la figura dello “Study Coordinator”, dovrebbe non solo avere la possibilità di un contratto confacente al lavoro svolto, ma anche essere inserito all’interno dell’organico sanitario e non negli amministrativi.

L’incontro si è concluso con una discussione finale del Dott. Rizzati, Consigliere dell’AIEOP (Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica), riguardante i centri di ricerca in oncologica pediatrica.

 

L’aggiornamento sullo stato della ricerca in oncologia pediatrica, sulle nuove normative come il Decreto Lorenzin e sul ruolo del coordinatore di ricerca, hanno dato momenti di discussione coinvolgenti ed interattivi: la riunione si è rivelata non solo formativa, ma anche ricca d’idee e spunti volti a migliorare la gestione della ricerca clinica nei centri sperimentali.

 

Di Claudia Pupo

Mi sono laureata all’università della Calabria in CTF: l’ultimo anno l’ho dedicato alla ricerca di base sul carcinoma mammario presso la Thomas Jefferson University di Philadelphia. Subito dopo il conseguimento del titolo, ho seguito un master di secondo livello in sviluppo preclinico e clinico del farmaco presso il policlinico Gemelli, che mi ha dato la possibilità di effettuare un periodo di stage in coordinamento di ricerca clinica nell’Istituto Europeo di Oncologia; durante la scorsa estate ho frequentato il corso Missione CRA per approfondire le conoscenze relative alla ricerca clinica e alle attività di monitoraggio, gestione e coordinamento degli studi sperimentali. Attualmente sono una Clinical Research Coordinator presso la rete oncologica veneta dell’Istituto Oncologico Veneto.